Le linee sono aperte dalle 9 alle 19 dal Lun-Ven e 10-16 il Sabato

06 9480 5880 Live Chat
I risultati possono variare da persona a persona. Leggi qui il disclaimer.
  • Pagamento Alla Consegna

    Puoi pagare quando ricevi la merce a casa tua

  • Consegna gratis per ordini superiori ai 50€

    Ultima Spedizione 17.00

  • Migliaia di clienti soddisfatti!

    Recensioni indipendenti da Feefo

I Benefici dell'Arginina

La salute passa soprattutto dall’alimentazione, per questo motivo è giusto integrarla con prodotti che ci aiutino a trovare il benessere e a vivere meglio. Uno di questi principi molto importanti è l’arginina: aiuta il corpo a sviluppare scheletro e muscoli e la sua carenza può creare disagi e problemi. Vediamo assieme quali sono i benefici dell’arginina e le sue caratteristiche.

Cos’è l’arginina?

L’Arginina è un amminoacido fondamentale per il nostro organismo perché svolge tantissime funzioni molto importanti, tra cui quella di creare le proteine indispensabili per i muscoli e i tessuti del corpo. La sua molecola è indispensabile nel nostro corpo per moltissime funzioni metaboliche, specialmente per gli sportivi: l’intensa attività fisica produce una grande quantità di ammoniaca che l’arginina, invece, contribuisce a mantenere sotto controllo.

L’arginina è amminoacido essenziale nei bambini: non riescono a costruirlo da soli e va assunto dall’esterno. Durante lo sviluppo e la crescita iniziamo a produrla dal fegato e dai reni.

I benefici dell’Arginina

Numerosissime sono le proprietà dell’Arginina per il nostro corpo, in supporto all’attività fisica.

  • Energizzante – libera l’energia utile ai muscoli specialmente sotto stimolo fisico
  • Riduttore della fatica – Aiuta a ridurre i livelli di ammoniaca nelle cellule muscolari
  • Stimola la crescita dei muscoli – Favorisce la produzione dell’ormone della crescita che aiuta i muscoli a svilupparsi in maniera maggiore
  • Abbassa il livello di pressione – aiuta a sintetizzare l’ossido nitrico che, essendo un vaso dilatatore, aiuta a diminuire la pressione sanguigna.
  • Disfunzioni erettili – Molte ricerche hanno mostrato come l’arginina possa aiutare a superare i problemi di disfunzione erettile, grazie all’aumento del flusso di sangue.

Per questi motivi gli integratori di arginina sono particolarmente utilizzati da coloro che fanno palestra, agonismo e sport in cui lo sforzo è intenso e continuato. Un utilizzo di maggiori livelli di arginina aiuta a sviluppare scheletro e muscoli in maniera più veloce, rendendo lo sforzo fisico più sopportabile.

In quali alimenti si trova l’arginina?

L’arginina è rintracciabile in alcuni degli alimenti che consumiamo quotidianamente. Piccole dosi di Arginina possono essere trovati nei cereali, nei legumi e nei semi. Ecco alcuni degli alimenti in cui l’amminoacido è presente.

Semi di zucca, Noce cinerea americana, Spirulina essiccata, Lupini, Noce moscata, noce nera, aglio in polvere, soia (tostata e non), arachidi, burro di arachidi, mandorle, mandorle perlate, pinoli, fave, semi di girasole, germe di grano, noci, nocciole, pistacchi, piselli, sesamo.

Invece tra la carne e il pesce, i più ricchi sono:

Stoccafisso, la pancetta, i gamberi in umido, il polpo in umido, frattaglie di pollo, ali e petto di tacchino, coniglio.

Lo stress fisico e psichico dovuto a periodi di attività e movimento maggiore sono le cause classiche della carenza di arginina nella dieta che hanno come sintomi: mal di testa, spossatezza e difficoltà di concentrazione. In questo caso, specialmente in periodo di attività fisica intensa, è consigliabile assumere integratori a basi di Arginina che potete acquistare online.

Gli studi sull’Arginina: nuove scoperte

Vista l’importanza di questo amminoacido per il nostro organismo, sempre più studi si sono concentrati sul trovare rispondenze con la nostra salute e impieghi nuovi nella nostra alimentazione. Uno studio recentissimo, per esempio, condotto dalla Duke University (USA) mostra come ci possa essere una correlazione tra la carenza di arginina e il morbo di Alzheimer. Negli studi fatti sulla patologia, infatti, si è visto come le cellule immunitarie, in particolare l’enzima arginase, vadano a colpire questo preziosissimo amminoacido che è responsabile anche del buon funzionamento della memoria.