• Pagamento Alla Consegna

    Puoi pagare quando ricevi la merce a casa tua

  • Consegna Gratis Sopra 75€

    Spedizione il giorno stesso per ordini entro le 17

  • Protezione dei Dati del Cliente

    I tuoi dati sono al sicuro con noi

5 Motivi per Cui è Più Difficile Dimagrire in Inverno

Il cambiamento di stagione stravolge la nostra routine quotidiana sotto diversi aspetti che riguardano attività fisica, umore e alimentazione. Cambia la scelta dei cibi così come il loro modo di cottura, si prediligono piatti caldi e con un contenuto calorico superiore per riscaldarsi e sopportare una temperatura più rigida.

Infatti, in inverno si tende a mangiare di più e l’organismo richiede cibi grassi per mantenere la temperatura corporea costante. Mantenersi in forma può sembrare più difficile, soprattutto se durante il resto dell’anno si è seguita una dieta rigida e restrittiva. Se pensi che il cambio di stagione incide negativamente sulla tua forma, sei nella pagina giusta! In questo articolo esamineremo i 5 motivi per cui è più difficile dimagrire in inverno!

1. Temperatura

La stagione invernale comporta un abbassamento della temperatura ambientale che induce l’organismo ad alimentarsi con cibi più grassi ed elaborati per contrastare il freddo. Infatti, alcuni ricercatori hanno dimostrato che d'inverno il corpo tende ad ingrassare per creare massa grassa, che funge da barriera protettiva contro le basse temperature.

2. Ormoni

Il cambio di stagione può anche influenzare l'equilibrio di alcuni ormoni che stimolano la fame e l’appetito, rendendo più difficile seguire la dieta e dimagrire. Essi sono la Leptina, la Grelina e i Glucocorticoidi. Inoltre, lo squilibrio ormonale può provocare repentini cambiamenti dell’umore, ad esempio come la depressione invernale che induce a mangiare di più per cercare conforto e appagamento.

3. Disturbo Affettivo Stagionale

Il Disturbo Affettivo Stagionale, o SAD, è un disturbo dell’umore strettamente legato a particolari periodi dell’anno, tra l’autunno e l’inverno, quando le giornate si accorciano e c’è meno luce. Provoca tristezza, apatia, insonnia, calo di energia e soprattutto sbalzi d’umore. Questo disturbo influenza anche l’alimentazione perché si tende a mangiare di più e a trascorrere le giornate chiusi in casa senza praticare movimento. Per vincere il SAD si possono seguire alcune terapie comportamentali, come la cronoterapia e la fototerapia, ovvero la terapia della luce.

4. Ore Diurne

Anche le ore diurne influiscono sull’alimentazione. Infatti, i ricercatori hanno dimostrato che la luce naturale del sole stimola la produzione di Serotonina, l’ormone del buonumore. In inverno la luce solare è scarsa e può innescare i cambiamenti dell’umore tipici del Disturbo Affettivo Stagionale. Chi soffre di SAD, inoltre, tende a consumare in modo eccessivo carboidrati per migliorare l’umore.

5. Occasioni e Tentazioni Culinarie

Alcune stagioni sono associate a festività, vacanze e divertimento. In queste occasioni è molto difficile rispettare la dieta perché le tentazioni culinarie sono sempre a portata di mano. Ad esempio, l’estate è il momento propizio per organizzare feste all’aperto e fare grigliate. Non sorprende che aumenti la voglia per certi tipi di cibo non proprio leggeri e genuini.

Allo stesso modo, l’inverno è la stagione dell’anno più ricca di festività, primi fra tutti Natale e Capodanno. In queste occasioni si cede facilmente alle tentazioni della tavola ed è più difficile dimagrire. Inoltre, questo periodo è delicato per il nostro benessere psicofisico e, se non si presta attenzione, ci si può lasciare trasportare dalla cosiddetta “depressione invernale” e accumulare chili di troppo.